Tra le grandi banche manca solo Goldman Sachs ad interessarsi della blockchain

Il Commento del giorno

– di WisyWally

 

I giganti di Wall Street, come Goldman Sachs, stanno rischiando di essere lasciati indietro, in quanto i fondi di criptovalute sono il segmento in più rapida crescita nel settore degli hedge fund.

Pochi mesi fa Wall Street sembrava pronto ad abbracciare Bitcoin e giganti come Goldman Sachs e Morgan Stanley stavano sviluppando infrastrutture per il trading di Bitcoin. Ma poi, dopo che il valore delle criptovalute è crollato l’anno scorso, i capi di Wall Street hanno fatto un passo indietro e hanno accantonato i loro progetti.

Ora, nel 2019, l’attività economica di Bitcoin sta raggiungendo nuovi massimi e il suo valore è in ripresa. Tuttavia Wall Street non sta ancora reagendo per cogliere l’opportunità. The Street scrive:

Le grandi banche americane come JPMorgan Chase, Goldman Sachs Group e Bank of New York Mellon, che dominano Wall Street e tradano di tutto, da obbligazioni, azioni, materie prime e cambi esteri, stanno rischiando di perdere il treno delle criptovalute a causa della propria riluttanza a saltare in questo mercato. Le scuse dei dirigenti di Wall Street abbondano: dalla mancanza di normative federali al potenziale di attività nefande eseguite utilizzando criptovalute.

Un’altra preoccupazione di Wall Street è l’inerzia dei regolatori. Diverse iniziative chiave che potrebbero contribuire ad innescare un’espansione esplosiva del mercato delle criptovalute devono ancora ricevere l’approvazione ufficiale.

Tuttavia gli investitori continuano ad iniettare denaro nel mercato delle criptovalute. Quindi, nonostante l’inverno crypto del 2018, è salito il tasso con cui sono stati lanciati nuovi fondi dedicati alle criptovalute. La Crypto Fund Research sottolinea: “Siamo pronti per un record di oltre 200 nuovi lanci per il 2019, compresi gli hedge fund in criptovalute, i fondi crypto venture e il private equity crypto”.

Certo, gli strumenti finanziari incentrati sul giovane mercato delle criptovalute sono ancora piccoli. “Tutti i fondi crypto costituiscono meno dell’1% degli asset totali degli hedge fund”, secondo Crypto Fund Researchreport, il che continua con lo specificare:

Attualmente ci sono più di 700 fondi d’investimento in criptovalute/blockchain. La maggior parte sono costituiti come hedge fund venture capital, mentre un gran numero sono hedge fund o fondi ibridi. Ci sono anche una manciata di crypto ETF e fondi crypto di private equity.

Gli Stati Uniti sono il paese dove sono stati lanciati molti fondi crypto, anche se Europa, Asia, Isole Cayman e Messico cercano di stare al passo.

Gli hedge fund crypto sono il segmento in più rapida crescita nel settore degli hedge fund.

Inoltre continuano a crescere i crypto asset in gestione, come mostra il seguente grafico:

D’altra parte, aziende più piccole ma visionarie, continuano a creare nuove soluzioni correlate a Bitcoin.

Ad esempio, Coinbase sta lanciando una soluzione che offre agli investitori finanziari l’opportunità di guadagnare interessi su specifiche criptovalute in loro possesso.

Inoltre Square è alla ricerca di talenti per il suo team che lavorerà nello spazio crypto. Per attrarre candidati, Square si offre di pagare sviluppatori e crypto-ingegneri in bitcoin.

Inoltre un altro aiuto per aumentare la crescita del mercato crypto potrebbe arrivare indirettamente dal gigante dei social media, Facebook. Secondo quanto riferito, infatti, Facebook ha intenzione di utilizzare la tecnologia blockchain per trasferire denaro tramite Whatsapp.

Ross Sandler, un analista di Barclays, ritiene che la criptovaluta di Facebook “potrebbe essere parte di un’opportunità di guadagno multimiliardaria”. Secondo CNBC:

Sandler ha previsto fino a $19 miliardi di entrate aggiuntive entro il 2021 da “Facebook Coin”. L’azienda prevede un caso base di entrate incrementali di $3 miliardi dall’implementazione di una criptovaluta di successo.

 

Per approfondire segui WisyWally.